Actu

Qui sommes-nous ?

Nous sommes des ex-employés de la société BlueComm, nous fûmes les petites mains d’une enquête sur l’« esprit d’entreprise » en Wallonie. Nous avons fait grève pour protester contre nos conditions de travail et une rémunération misérable. Et nous avons gagné. Flexblues est notre identité collective.

Ça c’était le passé, maintenant l’avenir est ouvert et d’autres combats se préparent.

Thématique précarité sur mouvements.be

  • Au pays des « jobs à un euro » Giugno 2009 par Mathieu Magnaudeix
  • Les forçats de l'info Maggio 2009 par Xavier Ternisien
  • Travail précaire, capital protégé Maggio 2009 par Wojtek Kalinowski
  • Le travail, c'est la précarité ? Entretien avec Robert Castel Maggio 2009 par Thierry Leclère
  • En Italie, l'onde, la vague et la marée Maggio 2009 par Serge Quadruppani
  • « Maintenir les intellos dans la précarité, c'est s'assurer leur docilité » Aprile 2009 par Jérôme Anciberro
  • Un Belge sur sept est pauvre Aprile 2009
  • Les Indésirables Aprile 2009 par par Anonyme
  • Les États-Unis se préparent pour l'implosion sociale Marzo 2009 par Michel Chossudovsky
  • L'auto-entrepreneur et la fin du salariat Marzo 2009 par Jean Zin
  • Sciopero del personale precario della società svizzera BlueComm

    20 febbraio 2006
    Comunicato alla stampa, alla società Bluecomm e alla Fondazione Free

    Traduzione di quest'articolo : Englishfrançais

    Siamo dei lavoratori precari - studenti, disoccupati... - assunti in Belgio francofono dalla società svizzera Bluecomm per far riempire dei questionari nel quadro di un’inchiesta sullo "spirito d’impresa" fra i giovani valloni e di Bruxelles nella fascia di età 15-24 anni. Rappresentiamo la maggioranza degli impiegati di questa società in Belgio. Di fronte a condizioni di lavoro e di retribuzione particolarmente cattive e a pratiche che ci sembrano non rispettare i nostri diritti più elementari, abbiamo deciso di scioperare con le seguenti rivendicazioni.

    1) I responsabili della società Bluecomm hanno esplicitamente incitato i lavoratori a prestare le loro opere in nero: nessuna informazione sui contratti era disponibile alle sedute informative organizzate al momento del reclutamento, siamo stati incitati al lavoro in nero per maggior semplicità, verbalmente all’inizio, con incentivanti salariali poi. Coloro che dsiderano essere dichiarati non riceveranno i 12 € previsti a questionario ma 7,70 € netti. Gli altri manterranno i 12 €.Anche dopo aver insistito, nessuno di noi è riuscito ad avere un contratto di lavoro. disponiamo di prove (e-mail e registrazioni vocali) di quello che affermiamo.

    Esigiamo dei contratti di lavoro in debita forma.

    2) Siamo pagati in modo forfettario e non per ore di lavoro. Abbiamo diritto a 12 euro (lordi) per questionario riempito quando, tutto compreso, il tempo stimato per riempirlo gira intorno alle 2-3 ore. Le nostre spese di telefono e di trasporto necessarie per trovare la persona da interrogare (l’inchiesta è condotta secondo il metodo delle "quote", che implica l’obbligo da parte del sondaggista di trovare profili precisi) non sono rimborsate, salvo i francobolli per rispedire i questionari riempiti a Bluecomm e le bevande ("non alcolizzate") che abbiamo dovuto offrire...Riceviamo quindi un salario che ruota intorno a un massimo di 4 euro all’ora (senza considerare i costi non quantificabili)

    Esigiamo una retribuzione forfettaria netta di 25 euro per questionario e il rimborso completo delle spese.

    La società Bluecomm si risera allo stato attuale delle cose il diritto di invalidare unilateralmente i questionari che riempiamo. Non saremo pagati per i questionari invalidati.

    Esigiamo una modifica della procedura di validazione dei questionari.

    Invieremo a Bluecomm i questionari compilati (che abbiamo deciso di conservare per il momento a titolo di protezione, derisoria senza dubbio, ma pazienza) nel momento in cui queste tre condizioni avranno ricevuto una risposta positiva.

    Inoltre, constatiamo che la società Bluecomm e le sue pratiche indifendibili non sono che i subappaltatori di un affermato e si suppone rispettabile organismo belga: la Fondazione Free, essa stessa composta dall’elite economica belga (Compagnie Nationale à Portefeuille s.a., Electrabel, Fortis Banque s.a., GlaxoSmithkline Biologicals s.a., Lhoist s.a., Groupe Siemens Belgique/Luxembourg s.a., Sonaca s.a.) Questo chiama, ci pare, a una reazione di fronte a Bluecomm da parte di queste diverse strutture se esse stesse non vogliono essere assimilate alle pratiche sei loro subappaltatori.

    Se le nostre richieste non saranno soddisfatte entro mercoledì alle 23.07 organizzeremo un’azione di protesta sullo spazio pubblico per denunciare le pratiche di cui siamo vittime (diamo fin da ora appuntamento alla stampa a Bruxelles, davanti alla Borsa giovedì alle 13.30) Abbiamo deciso di dare al nostro movimento il nome di Flexblues e abbiamo aperto il sito http://flexblues.be sul quale troverete informazioni complementari.

    Per maggiori informazioni, contattate il nostro portavoce Bob il Precario al numero +32 499 39 29 38

    Firmato: il collettivo Flexblues

    powered by spip | ospitato da alterezo | Amministrazione
    Dernière mise à jour du site : 16 mai 2008